fbpx Peperoncini dallo spazio | Peperoncini dallo spazio
Peperoncini dallo spazio

Peperoncini dallo spazio

Un team di scienziati della NASA sta lavorando per coltivare il peperoncino Española direttamente nella Stazione Spaziale Internazionale. Tra il 2014 e il 2015, semi di lattuga erano già germinati con successo in apposite nicchie illuminate a led, ma in quel caso si trattava di ortaggi a foglia. Ben più ardua è la sfida di coltivare nello spazio ortaggi a frutto come appunto il peperoncino, impollinati artificialmente e coltivati con difficoltà in ambienti ad alto contenuto di diossido di carbonio.

Obiettivo a lungo termine della NASA è riuscire a inviare astronauti su Marte, pertanto è fondamentale trovare ortaggi e frutti che possano viaggiare con loro ed essere facilmente coltivati una volta atterrati sul Pianeta Rosso. I peperoncini Española, in particolare, crescono anche ad alta quota e hanno un periodo di crescita sufficientemente breve, due proprietà che li rendono interessanti per la sperimentazione delle colture spaziali. Inoltre, i peperoncini sono ricchi di vitamine, ottimi per la salute e utili persino a contrastare la sensazione di freddo che gli astronauti spesso provano per via delle alterazioni al sistema circolatorio in assenza di gravità.

I test con i peperoncini sulla Terra hanno dato ottimi risultati, tanto che la NASA vorrebbe sperimentare la coltivazione sulla Stazione Spaziale Internazionale già dal mese di novembre. Nel frattempo altre ricerche sulla produzione alimentare e agricola nello spazio sono in corso. Il 3 gennaio scorso, ad esempio, la missione cinese Chang’e 4 ha portato sul lato nascosto della Luna semi di cotone, germogliati dopo dodici giorni ma presto appassiti. 

Nel 2017, invece, l’International Potato Center di Lima aveva lanciato una serie di esperimenti per la coltivazione di patate su Marte, mentre a inizio 2018 un gruppo di ricercatori dell’agenzia spaziale tedesca è riuscito a coltivare vegetali in Antartide grazie alla serra EDEN ISS, che in futuro si ritiene possa essere impiegata per la creazione di orti marziani o lunari.