fbpx Le macchine Volanti! | Pannelli solari, ma notturni
Pannelli solari, ma notturni

Pannelli solari, ma notturni

Anche chi possiede solo una conoscenza superficiale del mondo delle energie rinnovabili sa che per il funzionamento di un pannello solare è fondamentale la presenza del Sole stesso. Una certezza che potrebbe però venire smontata dai recenti studi riguardanti uno strumento ribattezzato pannello “anti-solare”, capace di produrre energia di notte.

A studiare questa tecnologia è un ricercatore dell’Università della California che sta provando a ribaltare alcuni concetti chiave. Un pannello solare è un dispositivo che assorbe i raggi del Sole e li trasforma successivamente in energia.

Il pannello anti-solare capovolge questi rapporti: di notte, il calore della Terra emette luce infrarossa che può essere intercettata per diventare fonte di energia. La tecnologia è ovviamente diversa. Mentre i tradizionali pannelli solari utilizzano celle fotovoltaiche, gli anti-pannelli saranno invece realizzati con celle termoradiative, che a differenza delle prime hanno la capacità di assorbire la luce con una lunghezza d’onda più ampia (come nel caso dei raggi infrarossi).

Una tecnologia di questo tipo ha dalla sua la capacità di produrre energia di notte e potrebbe essere molto utile non nella sostituzione, ma nell’integrazione del funzionamento dei pannelli solari. Questi infatti devono prevedere l’accumulo di energia anche per i periodi notturni in cui non sono capaci di produrla.

L’aspetto negativo è legato al fatto che un pannello di questo genere produce una quantità di energia quattro volte inferiore rispetto al pannello tradizionale. Va però sottolineato che questo è, per ora, solo un progetto teorico, la cui applicazione concreta deve ancora essere effettivamente studiata