fbpx Le macchine Volanti! | Organi trasparenti e in 3D
Organi trasparenti e in 3D

Organi trasparenti e in 3D

Fin dai tempi antichi si praticano dissezioni e autopsie per vedere il corpo umano dall’interno e osservarne gli organi vitali in tre dimensioni. Una vera e propria rivoluzione per la storia della scienza medica, giunta oggi a un nuovo punto di svolta: nel prossimo futuro sarà possibile rendere gli organi trasparenti per studiarne nel dettaglio la struttura profonda senza bisogno di dissezionarli e, dunque, danneggiarli.

È quanto hanno già provato a realizzare i ricercatori dell’Helmholtz Institute for Tissue Engineering and Regenerative Medicine di Monaco, iniettando in alcuni organi prelevati da donatori umani una speciale tintura chimica fluorescente, che permette di vedere attraverso i tessuti cellulari esterni con un microscopio a scansione laser, proprio come fossero “trasparenti”.

I risultati dell’esperimento, pubblicati su Cell, rendono straordinariamente evidenti i vantaggi di questo tipo d’indagine: gli organi rimangono perfettamente integri, vasi sanguigni e cavità interne possono essere rappresentate con grande precisione e le informazioni raccolte – si può già intuire – potranno essere usate un giorno per stampare organi artificiali in 3D decisamente più sofisticati rispetto a quelli attualmente prodotti. In altre parole, copiando fedelmente la struttura interna degli organi naturali sarà possibile realizzare protesi artificiali forse in grado di replicarne perfettamente la funzione.

Al momento, la procedura per rendere gli organi trasparenti è ancora molto complessa: richiede infatti la completa disidratazione e la rimozione delle componenti grasse dagli organi donati alla ricerca, che di solito provengono da donatori deceduti in età anagrafica elevata e sono dunque particolarmente “rigidi”. Nonostante questi limiti, l’esperimento condotto dai ricercatori dell’Helmholtz Institute ha permesso di osservare come mai prima d’ora l’intricata vascolarizzazione interna degli organi umani. Un passaggio ineludibile per poter immaginare di sostituirli un giorno con fedeli riproduzioni artificiali.