fbpx Le macchine Volanti! | Nasce il campionato di monopattini elettrici
Nasce il campionato di monopattini elettrici

Nasce il campionato di monopattini elettrici

Il nome scelto è eSkootr e se tutto andrà secondo programma le gare cominceranno già nel 2021, su circuiti urbani appositamente allestiti in diverse città del mondo. Si tratta del primo campionato internazionale di monopattini elettrici, promosso dal pilota di Formula E Lucas Di Grassi e dall’ex pilota di Formula 1 Alex Wurz. Pochi, per il momento, i dettagli sul format della competizione e sui piloti che vi prenderanno parte, mentre in un accattivante video di lancio è già stato annunciato dagli organizzatori che a gareggiare saranno monopattini elettrici ultraveloci e capaci di raggiungere anche i 100 chilometri orari.

A riportare la notizia è il magazine The Verge, secondo cui l’iniziativa di eSkootr segue da vicino l’esempio di Formula E, la competizione automobilistica per monoposto elettriche inaugurata nel 2014 e riconosciuta quest’anno quale campionato ufficiale dalla Federazione Internazionale dell'Automobile (FIA). Obiettivo di eSkootr e Formula E è quello non solo di favorire l’innovazione nel settore dei veicoli elettrici, migliorandone prestazioni e consumi, ma anche di diffondere la conoscenza di questi mezzi di trasporto presso il grande pubblico, soprattutto in quei contesti metropolitani in cui gli alti livelli di inquinamento dell’aria rendono più urgente la transizione alla motorizzazione di tipo elettrico.

Gli organizzatori del campionato di eSkootr non nascondono quindi di voler trasformare la competizione in un contesto in cui testare nuove tecnologie, aumentare l’interesse degli appassionati verso la mobilità elettrica leggera, e di conseguenza spingere i grandi marchi produttori ad abbandonare definitivamente la commercializzazione di mezzi con motore a scoppio in favore di quelli interamente elettrici. Nel caso di Formula E, infatti, sono stati i costruttori automobilistici stessi a chiedere di aderire alla competizione, seguita per il 70% da appassionati con meno di 35 anni e uno spiccato interesse per la sostenibilità.