fbpx Le macchine Volanti! | La Nasa vuole tornare (in fretta) sulla Luna
La Nasa vuole tornare (in fretta) sulla Luna

La Nasa vuole tornare (in fretta) sulla Luna

La Nasa collaborerà strettamente con aziende private per portare nuovamente l’uomo sulla Luna. L’agenzia spaziale americana dà la possibilità fino a inizio novembre di sottoporre proposte – da parte di società impegnate nel settore dei viaggi spaziali – di progetti di lander che dovranno materialmente accompagnare gli astronauti sulla superficie del satellite.

Un passaggio fondamentale del cosiddetto progetto Artemide e che si concentrerà in particolare sul trasferimento dal Gateway, stazione spaziale che la Nasa intende costruire intorno all’orbita lunare, al satellite stesso. Le due migliori proposte saranno poi concretizzate in breve tempo, dato che il primo lander dovrà portare gli astronauti sulla Luna già nel 2024, mentre il secondo solo un anno più tardi.

Le tempistiche sono molto ristrette visto che la Nasa vuole ridurre la durata dei vari passaggi. Ma tenendo conto che per sviluppare un lander ci vogliono otto anni, significa che a farsi avanti possono essere solamente società che hanno già piani avviati. Tra queste Blue Origin, che ha già mostrato qualche mese fa il suo Blue Moon lander, e Lockheed Martin che ha recentemente svelato un suo progetto.

Le richieste della Nasa legate al lander sono ben precise: deve disporre della tecnologia per portare gli astronauti sulla superficie lunare e deve essere anche capace di riportarli successivamente alla stazione Gateway. L’agenzia spaziale ha invece accantonato per il momento l’idea di un lander che possa essere rifornito di nuovo carburante per effettuare più viaggi.

Al momento di presentare il proprio piano le aziende devono anche indicare in che modo intendono fare arrivare il lander alla stazione Gateway. Tra le possibilità c’è anche quella di sfruttare il razzo in fase di realizzazione da parte della stessa Nasa e che verrà utilizzato a partire dal 2021. Ma sarà anche possibile lasciare la possibilità di appoggiarsi alle tecnologie di SpaceX o a quella di Blue Origin.