fbpx Le macchine Volanti! | La disinfestazione anti-Covid la fanno i robot
La disinfestazione anti-Covid la fanno i robot

La disinfestazione anti-Covid la fanno i robot

Il design minimale potrebbe farli sembrare dei cestini dell’immondizia, ma a tradirne la reale funzione è il continuo andirivieni e una sorta di attenzione maniacale per la pulizia delle superfici. Parliamo di robot addetti alla sanificazione dei luoghi pubblici, recentemente apparsi alla St Pancras International, una delle stazioni ferroviarie più grandi di Londra e la nona dell’intero Regno Unito per numero di utenti. Questi peculiari mezzi automatizzati e anti-Covid sparano luci ultraviolette sulle aree pavimentate, sanificandole così dal Coronavirus senza bisogno di sostanze chimiche.

Come riportato in un recente articolo pubblicato su The Straits Times, l’utilizzo dei robo-sanificatori mira a ripristinare la fiducia degli utenti verso i servizi di trasporto pubblico, pesantemente colpiti dalle misure di distanziamento interpersonale introdotte per contenere la pandemia. La stazione di St Pancras International, per esempio, registra normalmente 34,6 milioni di accessi nel primo trimestre dell’anno, ma nel 2020 i numeri sono stati di gran lunga inferiori. L’hub è infatti il terminal del collegamento diretto con Parigi, Bruxelles e Amsterdam, ma condivide anche sei linee della metropolitana di Londra e con la vicina stazione di King’s Cross.

In sostanza, si tratta di un nodo nevralgico e tra i più affollati della città, e non a caso è stata la prima stazione ferroviaria ad aver introdotto una tecnologia per la sanificazione di questo tipo. Non è escluso però che i robot anti-Covid possano presto trovare impiego anche in altri centri del trasporto pubblico, di Londra o di altre città. Secondo le autorità cittadine, la sanificazione via luci ultraviolette riesce a eliminare nel giro di pochi minuti il 100% dei microbi, incluso il coronavirus, dalle superfici irradiate. E gli utenti non sembrano sgradire la presenza di questi placidi automi, che si aggirano per la stazione e mantengono asettiche le aree comuni.