fbpx Le macchine Volanti! | Intelligenza Artificiale per sensibilizzare sulla salute mentale dei musicisti
Intelligenza Artificiale per sensibilizzare sulla salute mentale dei musicisti
--

Intelligenza Artificiale per sensibilizzare sulla salute mentale dei musicisti

Oltre alle innumerevoli applicazioni in ambito informatico, economico, scientifico e medico, l’Intelligenza Artificiale si affaccia con successo nel mondo sociale e psicologico con l’obiettivo di sensibilizzare su tematiche importanti come la salute mentale. È proprio questo aspetto che il progetto innovativo "Lost tape of the 27 club" vuole colpire: da tempo è risaputa l’alta frequenza di disturbi e disagi psicologici tra lavoratori dello spettacolo e, in particolare, i musicisti.  

Il “lato oscuro” del successo è spesso stato ignorato o addirittura romanticizzato: parliamo per esempio del celebre "club dei 27", che vede artisti come Kurt Cobain, Amy Winehouse, Jimi Hendrix e Jim Morrison uniti dall’essere venuti a mancare troppo presto, in giovane età (appunto, 27 anni).

L’organizzazione Over The Bridge ha quindi pensato di creare un algoritmo di Intelligenza Artificiale che, con la sua creatività computazionale, ha letto e appreso circa 30 canzoni per ogni artista (scelta delle note, temi, ritmi, armonie) creando nuove “opere” per farci riflettere su cosa ci siamo persi per aver ignorato così a lungo il problema. Canzoni nuove create dall’AI con stili e parole che rimandano a quelle tipici degli artisti, cantate effettivamente da cover band e raccolte in playlist su Spotify.
Un risultato impressionante che colpisce per la qualità musicale e la profondità dei testi ricreati dall’algoritmo.

L’Intelligenza Artificiale di Google, Magenta, ha già dimostrato in passato le sue doti creative producendo musica e arte: i quadri creati dai suoi algoritmi sono già stati esposti in una mostra interattiva e venduti all’asta.
Una nuova forma d’arte che non vuole sostituire l’espressività umana, ricca di emozioni, esperienze e sensibilità difficilmente replicabili tecnologicamente, ma che può sicuramente essere sfruttata per sensibilizzare, educare e portare attenzione su tematiche importanti come quella della salute mentale.

Laura Fasano