fbpx Le macchine Volanti! | In difesa del silenzio
In difesa del silenzio

In difesa del silenzio

Lo sviluppo della nostra società ha avuto importanti conseguenze sull’ambiente che ci circonda. Uno degli aspetti più trascurati è quello dell’inquinamento acustico provocato dalle attività umane. Oggi è sempre più difficile trovarsi in un luogo che sia libero da qualunque rumore che non sia di origine naturale.

Questo fenomeno si verifica anche nella maggior parte delle aree protette, dove ormai i suoni artificiali hanno comunque superato quelli della natura. A pesare in particolar modo sono i mezzi di trasporto, a causa del numero di visitatori sempre maggiore. Ma una gran parte della responsabilità è degli aerei, che sorvolano ormai anche i luoghi più remoti  del pianeta.

Proprio per arginare questo fenomeno, una coalizione trasversale di ambientalisti e scienziati si sta battendo per difendere le poche zone in cui il silenzio regna ancora incontrastato e sta cercando di rendere tali alcune aree oggi disturbate dal rumore. Al momento, negli USA gli sforzi sono indirizzati principalmente verso località in California o nelle Hawaii, dove è molto intensa l’attività degli elicotteri.

Esiste poi anche una forma di patente di silenziosità che l’organizzazione Quiet Parks International è pronta a rilasciare, dopo tre giorni di analisi approfondite, a quei luoghi che rispettano i canoni di silenzio fissati. Al momento sono state individuate 262 località con queste caratteristiche a livello globale. Si tratta di una certificazione non ufficiale ma che comunque ha un peso anche a livello di turismo attirato nella zona in questione. 

Ma nell’impegno contro il rumore l’Europa è avanti rispetto agli Stati Uniti di quasi 20 anni. Già dall’inizio del nuovo millennio l’Unione Europea aveva fissato dei criteri per stabilire i picchi massimi di inquinamento acustico e aveva spinto i singoli paesi a impegnarsi a ridurre i rumori, mentre nel corso degli ultimi sei anni gli stati hanno fissato i criteri per designare le aree silenziose.