fbpx Le macchine Volanti! | Il teletrasporto diventerà mai realtà?
Il teletrasporto diventerà mai realtà?

Il teletrasporto diventerà mai realtà?

Uno dei temi che appassiona maggiormente gli amanti della fantascienza è la possibilità di teletrasportare gli esseri umani. Un fenomeno che è entrato nell’immaginario collettivo anche grazie a una serie televisiva come Star Trek. Ma la questione è molto più complicata di come appariva sul piccolo schermo.

Il teletrasporto a livello quantistico è stato dimostrato ormai da molti studi scientifici. Si tratta della possibilità all’interno di un determinato sistema di trasferire informazioni da un luogo all’altro, con importanti applicazioni che riguardano le potenzialità del quantum computing. In altre parole è possibile trasferire lo stato in cui si trova l’atomo A all’atomo B, che è in una posizione differente.

Il primo grande ostacolo per il teletrasporto applicato all’uomo risiede però nelle dimensioni. Un essere umano contiene una quantità di atomi nell’ordine di un 10 seguito da 27 zeri. Una mole di dati al momento assolutamente non gestibile. Il punto centrale è però un altro: una persona non potrebbe mai venire spostata da un posto all’altro. A livello teorico l’unico passaggio fattibile è quello delle informazioni “contenute” in un individuo verso un secondo insieme di atomi altrettanto grande che diventerebbe così esattamente uguale al primo. Si crea quindi una copia distruggendo l’originale.

Ma le difficoltà non finiscono qui. Bisogna ancora tenere a mente uno dei pilastri della fisica, il Principio di indeterminatezza, secondo cui è impossibile conoscere allo stesso tempo la velocità e la posizione di una particella. Quindi anche passando tutti i dati da un insieme di atomi all’altro non potremmo mai sapere se avranno l’esatta forma originaria, pur contenendo le stesse informazioni. Non è il caso di rischiare.