fbpx Le macchine Volanti! | Il ruolo dell’essere umano nelle emissioni di metano
Il ruolo dell’essere umano nelle emissioni di metano

Il ruolo dell’essere umano nelle emissioni di metano

Le emissioni di metano sono responsabili per circa un quarto del riscaldamento globale in atto - un dato conosciuto ormai da tempo. Quello che invece non sapevamo ancora è che la produzione di metano imputabile all’essere umano è in realtà superiore a quanto si pensasse, mentre quella legata alle attività naturali della Terra è sempre stata sovrastimata.

A rivelare questa scoperta è stato un recente studio pubblicato su Nature, che rivela quanto le emissioni antropogeniche siano state sottostimate tra il 25% e il 40%. A non essere stato correttamente valutato è soprattutto il rilascio di questo gas nell’atmosfera a causa delle perdite che si verificano nelle fasi di produzione e di trasporto di petrolio o di altri combustibili, e che spesso vengono tenute in considerazione solamente per difetto.

Per arrivare a queste conclusioni gli studiosi si sono concentrati sull’analisi di campioni di ghiaccio prelevati in Antartide. Per capire se il metano sia di origine biologica o meno sono state realizzate delle analisi sulla presenza del carbonio-14, che caratterizza le emissioni che provengono da origine animale o comunque dall’attività terreste.

I ricercatori hanno osservato che fino al 1870 il metano di origine biologica era maggioritario, ma a partire da quel periodo è aumentata l’estrazione di carburanti fossili, spostando il peso delle emissioni. Per conteggiare quanto metano venga prodotto dall’attività umana, i ricercatori hanno paragonato la misura fatta nell’atmosfera con la quantità riscontrata nel ghiaccio nell’epoca pre-industriale.

Se da una parte questa nuova conoscenza fa ancora una volta capire quanto il comportamento dell’uomo incida sull’ambiente, dall’altra però ci dà la possibilità di indirizzare la maggior parte degli sforzi in una determinata direzione per ridurre le emissioni di metano, tra le più dannose per la nostra atmosfera.