fbpx Le macchine Volanti! | Il livello dei mari cresce più velocemente del previsto
Il livello dei mari cresce più velocemente del previsto

Il livello dei mari cresce più velocemente del previsto

Nel 2014, l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) aveva calcolato che il livello dei mari stesse crescendo globalmente di 3,2 millimetri l’anno. La stima, subito adottata da scienziati ed esperti di cambiamenti climatici, si basava su misurazioni satellitari effettuate dagli anni ’90 in avanti, e dunque sui valori medi di indagini a lungo termine. Negli ultimi anni, però, il fenomeno sembrerebbe aver accelerato: uno studio recente condotto dal Jet Propulsion Laboratory della Nasa e pubblicato su Science parla di un innalzamento annuo del livello dei mari di 4,8 millimetri.

Ad accelerare il fenomeno, e dunque ad aggravare le previsioni dell’IPCC, sarebbe soprattutto il rapido scioglimento del ghiaccio in Groenlandia, che i ricercatori del Jet Propulsion Laboratory monitorano ormai da più di dieci anni. Le tecniche oceanografiche introdotte negli ultimi tempi hanno permesso di svolgere analisi retrospettive e di ricostruire la storia dell’innalzamento dei mari lungo tutto il secolo scorso. Complessivamente, dal 1900 a oggi il livello delle acque è salito di 20 centimetri, con una battuta d’arresto soltanto negli anni ’50, quando un po’ in tutto il mondo si verificò un vero e proprio “boom” nella costruzione di dighe. Queste hanno infatti l’effetto di limitare la quantità d’acqua che dai fiumi sfocia direttamente in mare, ma l’innalzamento delle acque dipende soprattutto dal riscaldamento degli oceani causato dalla crisi climatica.

Il trend attuale è molto preoccupante. Le proiezioni future suggeriscono che gli sforzi di limitazione del riscaldamento globale avranno un effetto ridotto sull’innalzamento dei mari, per via dell’inerzia che caratterizza fenomeni quali lo scioglimento dei ghiacciai e l’espansione termica delle acque. Ma un intervento drastico di mitigazione del riscaldamento globale è comunque necessario per evitare che, di qui alla fine del secolo, quello che oggi è soltanto un trend allarmante si trasformi in una vera e propria catastrofe.