fbpx Le macchine Volanti! | Il cambiamento climatico lo controlla un satellite
Il cambiamento climatico lo controlla un satellite
--

Il cambiamento climatico lo controlla un satellite

La NASA conferma il suo impegno ormai quasi trentennale contro il cambiamento climatico. L’Agenzia spaziale americana, in collaborazione con l’ESA (Agenzia Spaziale Europea), ha infatti lanciato in orbita il satellite Sentinel-6, a bordo del razzo Falcon 9 di SpaceX: il suo obiettivo sarà quello di monitorare dallo spazio l’innalzamento del livello degli oceani. Un compito che poi verrà portato avanti anche dal satellite Sentinel-6B che lo raggiungerà tra cinque anni. 

Per misurare il livello dei mari saranno inviati segnali elettromagnetici e verrà calcolato il tempo da essi impiegato per arrivare alla superficie dell’acqua e tornare indietro. Sentinel-6 è dotato di una tecnologia tale da permettere il controllo sia di intere aree, sia di analizzare singole zone costiere in cui ci sono implicazioni per le navi di passaggio o per l’attività di pesca.

La raccolta di questa enorme mole di dati aprirà le porte a un gran numero di applicazioni. Dal miglioramento nella realizzazione delle previsioni atmosferiche al monitoraggio di fenomeni come gli uragani, fino alla creazione di nuovi modelli per l’analisi del cambiamento climatico in corso. In particolare il livello degli oceani è un indicatore utile a capire gli effetti del riscaldamento globale. 

I primi studi della Nasa in questa direzione risalgono ormai al 1992 quando venne lanciato in orbita il satellite Topex/Poseidon a cui è seguita nel corso del tempo la famiglia dei satelliti Jason. Sarà proprio il Jason-3, in funzione dal 2016, a essere mandato in pensione e sostituito dal nuovo Sentinel-6.

Quest’ultimo è stato dedicato a Michael Freilich, l’esperto di oceanografia morto qualche mese fa e che dal 2006 al 2019 aveva guidato la divisione focalizzata sulle scienze della Terra all’interno della NASA. Il realtà c’è anche molta Europa in quest’ultima missione visto che il satellite fa parte del progetto Osservazione della Terra Copernicus dell'Unione Europea.