fbpx Le macchine Volanti! | I quadri viventi portano l’arte su Instagram
I quadri viventi portano l’arte su Instagram

I quadri viventi portano l’arte su Instagram

In gergo specialistico si chiamano tableaux vivant. È l’arte di ricreare opere d’arte “dal vivo”, indossando abiti simili a quelli dei personaggi dei quadri oltre che mimandone la postura e l’espressione. A cavallo tra Ottocento e Novecento questo genere di passatempo era abbastanza diffuso, praticato per lo più a scopo caricaturale o parodistico, e non di rado immortalato in un nuovo dipinto o per mezzo della fotografia. Da quando è cominciato il lockdown per il contenimento del coronavirus, l’arte dei quadri viventi è tornata prepotentemente di moda e viaggia a suon di like e hashtag su Instagram.

Come osservato sul New York Times, in questo tempo di isolamento domestico, chiusura totale dei musei e trasferimento online dell’insegnamento artistico, i tableaux vivants ricreati a casa danno libero sfogo alla creatività delle persone, tanto che le foto delle riproduzioni postate su Instagram hanno rapidamente costituito un ricchissimo archivio digitale. Decine di migliaia di post si sono accumulati sotto gli hashtag #mettwinning, #betweenartandquarantine and #gettymuseumchallenge, con i maggiori musei del mondo che hanno accolto con favore il ritorno di moda dei quadri viventi, lanciando dei propri hashtag e proponendo la ricreazione delle rispettive opere d’arte.

Se l’effetto comico e grottesco dell’interpretazione fa dei tableaux vivants un passatempo evidentemente ludico, il carattere istruttivo delle composizioni viene dagli indovinelli sul nome e i dettagli del quadro che spesso accompagnano i post caricati su Instagram. Ma questo rinnovato esperimento di riproduzione di massa delle opere d’arte più o meno note sta facendo bene anche ai musei, che non a caso hanno visto un aumento del traffico sui loro siti da parte di migliaia di utenti in cerca di nuovi spunti e approfondimenti.