fbpx Le macchine Volanti! | I pericoli dell’aria condizionata
I pericoli dell’aria condizionata

I pericoli dell’aria condizionata

L’allarme lanciato dall’Onu può essere riassunto così: a furia di raffreddare le nostre case, stiamo accelerando il riscaldamento del pianeta. Un report delle Nazioni Unite ha stimato che, rendendo più efficienti i condizionatori, si potrebbero evitare di qui al 2040 ben 460 miliardi di tonnellate di gas serra nell’atmosfera, circa 8 volte le emissioni globali prodotte in un anno.

Il problema di fondo di questi sistemi sono i composti chimici chiamati idrofluorocarburi, indispensabili per refrigerare l’aria. Si tratta di sostanze capaci di inquinare oltre 10mila volte di più dell’anidride carbonica, creando un circolo vizioso micidiale. Più si scalda il pianeta e più le persone si doteranno di questi dispositivi per stare al fresco, incrementando ancora il problema.

Per provare a contrastare questo fenomeno, le nazioni di tutto il mondo si stanno impegnando a eliminare gli idrofluorocarburi. Una misura che se fosse davvero adottata a livello internazionale porterebbe a un taglio dell’aumento della temperatura previsto di quasi 0,5 °C. Ma al momento hanno aderito un centinaio di paesi, tra cui non figurano Usa, India e Cina.

Il passaggio a sostanze refrigeranti più sostenibili non solo ridurrebbe le emissioni, ma porterebbe anche a una sensibile diminuzione per quello che riguarda l’uso di energia elettrica. Nello stesso report si stima una riduzione di 1.300 gigawatts di elettricità entro il 2050, che si tradurrebbe anche in risparmi per 3mila miliardi di dollari.

L’efficientamento non riguarda solamente il mondo dei condizionatori ma la costruzione stessa delle case, che andrebbero ripensate in un’ottica di miglioramento energetico. Senza dimenticare che all’interno degli oltre 3,5 miliardi di apparecchi per refrigerare al mondo sono presenti anche frigoriferi e freezer. Un numero da tenere sotto controllo: si stima che potrebbe salire a oltre 14,5 miliardi entro il 2050, se ne facessero uso tutti coloro che ne hanno davvero bisogno e non solo chi può permetterselo.