fbpx Le macchine Volanti! | Glossario: Plugin
Glossario: Plugin
--

Glossario: Plugin

In ambito informatico con il termine “plugin” (o plug-in) si indica una componente software non autonoma che interagisce con un altro programma al fine di ampliarne le funzionalità di base.

In relazione al programma del quale estende le funzionalità, il plugin può essere chiamato anche con altre espressioni quali add-in (meno usato tra i diversi sinonimi), add-on o - come nel caso in cui sia afferente a un browser - estensione.

Non tutti i software prevedono la possibilità di estendere le funzionalità con plug-in. In alcuni ambiti, però, questa è da ritenersi la norma. Questo è possibile quando chi produce il software o chi crea gli standard che ne sono alla base, distribuisce anche il cosiddetto SDK, cioè il “Software Development Kit” che contiene le funzionalità e le documentazioni necessarie per realizzare plug-in compatibili.

La possibilità di installare software integrativi - attività svolta solitamente da sviluppatori di terze parti ovvero da soggetti diversi da coloro che hanno creato il programma originale -  consente, infatti, di personalizzare secondo le proprie esigenze e migliorare l’esperienza utente, per esempio, di siti internet o di browser.

Quando si gestisce un sito internet gestito tramite un sistema di pubblicazione  (CMS o  “Content Management System”) come nel caso dei portali realizzati con wordpress, solitamente si installano plugin (gratuiti o a pagamento). Ne esistono esemplari con infinite funzionalità come quelli, a titolo meramente esemplificativo, per l’ottimizzazione dei testi per i motori di ricerca SEO), per filtrare e bloccare commenti spam, per creare gallerie fotografiche, per inserire dei moduli (orm) di registrazione delle newsletter nonché i pulsanti necessari nel rispetto della normativa per la protezione dei dati personali  (GPDR).

Prima di installarli è opportuno valutarne la compatibilità col proprio CMS e con gli altri plugin. È poi consigliabile effettuare gli aggiornamenti di quelli utilizzati e rimuovere quelli inutili.

L’altra tipologia di plugin molto utilizzata è quella per i browser (es. Chrome, Firefox), cioè estensioni di programmi di terze parti che permettono di integrare le funzionalità di base del browser. Grazie a tali software si può personalizzare la propria toolbar per visualizzare  le previsioni meteo, utilizzare una VPN, leggere i flussi di notizie che si reputano più interessanti e così via.

Letizia Palmisano