fbpx Le macchine Volanti! | Cresce il fronte del no al riconoscimento facciale
Cresce il fronte del no al riconoscimento facciale

Cresce il fronte del no al riconoscimento facciale

Negli Stati Uniti il riconoscimento facciale piace sempre meno. Anche la città di Somerville, in Massachusetts, ha vietato l’utilizzo di questa tecnologia da parte delle forze di polizia. A fare da apripista era però stata San Francisco, che nello scorso maggio aveva deciso di mettere al bando l’uso di questo sistema di sorveglianza considerato troppo invadente della privacy delle persone.

Una sensibilità crescente nel paese e che si diffonde in sempre più città: tra i maggiori centri che stanno valutando se e come limitare l’utilizzo del riconoscimento facciale c’è infatti anche Oakland. Ma in realtà sono gli interi stati della California e del Massachussets che stanno ragionando sulla possibilità di introdurre una legislazione più stringente sulla materia.

A livello federale non si sta ancora prendendo in considerazione l’ipotesi di limitare o bandire il riconoscimento facciale per legge. Anzi, la tecnologia viene ampiamente utilizzata negli aeroporti americani da parte della polizia che si occupa del controllo delle frontiere. Al Congresso, però, si è recentemente iniziato a discutere di una legge che ponga dei paletti sull’uso di questi sistemi, almeno a livello commerciale.

La crescente sensibilità nei confronti di queste tematiche non sta interessando solo le organizzazioni impegnate nella difesa dei diritti dei cittadini. Curiosamente, anche Axon, la più importante azienda americana per la produzione di body camera destinate alla polizia, ha deciso di eliminare le tecnologie di riconoscimento facciale dai propri dispositivi.

Il dibattito legato all’impiego di questi sistemi si sta facendo sempre più intenso anche alla luce delle applicazioni legate alla sorveglianza di massa, di cui la Cina è l’esempio principale. La questione ha però sollevato proteste anche sul suolo americano e in particolar modo in seguito alle polemiche che hanno investito Rekognition, lo strumento di riconoscimento facciale sviluppato da Amazon e messo a disposizione anche di alcuni dipartimenti di polizia.