fbpx Le macchine Volanti! | Che mondo sarà senza il ghiaccio artico?
Che mondo sarà senza il ghiaccio artico?

Che mondo sarà senza il ghiaccio artico?

Le notizie che arrivano dai poli sono allarmanti: lì il riscaldamento delle temperature procede a ritmo doppio rispetto al resto del mondo e lo scioglimento dei ghiacciai in Artide e in Antartide, sempre più veloce, potrebbe già aver superato il punto di non ritorno. Ma cosa succederebbe se il ghiaccio polare si fondesse del tutto? Quanta acqua verrebbe liberata? E quali sarebbero gli effetti sull’innalzamento dei mari? Prova a dare qualche risposta un recente articolo di Wired, che avanza delle stime al riguardo con tanto di formule, calcoli e dimostrazioni alla mano.

In caso di completa fusione, il ghiaccio antartico al Polo Sud libererebbe 3,14 per dieci alla sedicesima metri cubi d’acqua: una quantità enorme che, riversata sugli oceani e sulle terre emerse, farebbe aumentare il livello dei mari di 62 metri. Ovviamente si tratta di una stima viziata da diverse approssimazioni adottate in fase di calcolo, ma è probabile che non si discosti molto dai valori potenzialmente osservabili. La fusione del ghiaccio artico al Polo Nord avrebbe invece un effetto molto minore sull’innalzamento delle acque, e per un motivo semplice: si tratta di ghiaccio di banchisa in larga parte sommerso, mentre il ghiaccio antartico poggia per lo più su uno strato di terra emersa. Inutile sottolineare come molte zone costiere e rivierasche, dove per altro si trovano molte tra le città più popolose al mondo, finirebbero per essere sommerse.

Ma non si tratta di solo innalzamento del livello dei mari. Il ghiaccio ai Poli svolge infatti anche un’importante funzione di regolazione della temperatura terrestre, delle acque e delle correnti. Si è calcolato che le acque fredde tendono a ospitare una maggiore biodiversità, mentre il riscaldamento degli oceani sta minacciando moltissime specie di pesci e invertebrati marini. Anche la scomparsa del ghiaccio artico, in questo senso, sarebbe una vera e propria catastrofe, con effetti e conseguenze a oggi imprevedibili.