fbpx Anche i robot subiscono il razzismo?
Anche i robot subiscono il razzismo?

Anche i robot subiscono il razzismo?

I nostri pregiudizi non colpiscono soltanto altri esseri umani: a farne le spese sono sorprendentemente anche i robot. In un recente studio dall’evocativo titolo “Robot and Racism” è stato analizzato il modo in cui gli stereotipi razziali vengono trasferiti anche nel mondo degli automi antropomorfi.

 

Gli studiosi dell’Human Interface Technology Lab dell’Università di Canterbury, in Nuova Zelanda, hanno messo a punto un sistema per verificare l’esistenza di questo atteggiamento attraverso il cosiddetto “shooter bias test”. Per farlo hanno messo delle persone davanti a uno schermo in cui comparivano individui bianchi e di colore, entrambi alternativamente armati o disarmati, per misurare il livello di minaccia percepito attraverso la propensione o meno a sparare.

 

Ma tra le sagome di essere umani venivano ogni tanto inserite anche quelle di robot neri o bianchi: il dato che emergeva era una maggior probabilità che venissero colpiti gli automi di colore, anche quando questi non apparivano con delle armi addosso. Lo stesso risultato di quando i soggetti erano soltanto umani.

 

I ricercatori che hanno condotto questo esperimento hanno concluso che il bias umano verso le persone di colore emerga anche nel momento in cui si palesano dei robot. La cosa che ha maggiormente stupefatto gli studiosi è stata la capacità della mente di attribuire anche ai robot delle caratteristiche umane, facendoli così diventare oggetto degli stessi pregiudizi che vengono nutriti nei confronti di alcune minoranze.