fbpx Le macchine Volanti! | Alla ricerca di una nuova Terra
Alla ricerca di una nuova Terra

Alla ricerca di una nuova Terra

La ricerca di un pianeta simile alla Terra ha un nuovo candidato. Si tratta del pianeta battezzato TOI 700 d, che ruota attorno alla stella nana TOI 700, a circa 100 anni luce da noi. Il pianeta si trova nella cosiddetta zona abitabile, all’interno della quale è possibile che sia presente acqua allo stato liquido in superficie. Un elemento ritenuto indispensabile per la vita su qualsiasi pianeta.

TOI 700 d ha una dimensione superiore del 20% circa rispetto alla Terra e si stima che riceva una quantità di energia solare pari all'86% di quella che riceviamo noi. Per compiere un'intera orbita attorno alla sua stella, che ha una massa del 40% inferiore al Sole, impiega 37 giorni. Gli astronomi pensano che il pianeta mostri sempre la stessa faccia alla stella, condizione che però non preclude la possibilità di viverci. 

La scoperta è stata fatta dal telescopio spaziale della Nasa TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite), lanciato in orbita nel 2018 per sostituire il vecchio Kepler Space Telescope. Come si intuisce dal nome, lo strumento serve per andare alla ricerca di esopianeti, ossia pianeti al di fuori del nostro sistema solare, osservabili nel momento in cui transitano davanti alla loro stella. TOI 700 d è il primo pianeta potenzialmente abitabile che TESS ha rilevato.

All’interno del sistema che ruota attorno alla stella TOI 700 sono stati individuati due altri pianeti, ribattezzati rispettivamente TOI 700 b e TOI 700 c. Il primo dovrebbe essere roccioso e con dimensioni simili a quelle della Terra, mentre il secondo ha caratteristiche gassose ed è circa 2,5 volte il nostro pianeta. 

Il più interessante è comunque TOI 700 d. Le diverse simulazioni effettuate fanno pensare a una superficie rocciosa, ma ci sono probabilità che possa solamente trattarsi di un pianeta gassoso di piccole dimensioni come Nettuno. Per avere la certezza serviranno altre misurazioni, che saranno realizzate con strumentazioni più potenti che devono però ancora essere lanciate in orbita.