fbpx Abbiamo raggiunto il picco della nostra intelligenza? | Abbiamo raggiunto il picco della nostra intelligenza?
Abbiamo raggiunto il picco della nostra intelligenza?

Abbiamo raggiunto il picco della nostra intelligenza?

Da quando il test sul quoziente intellettivo è stato inventato più di un secolo fa, i punteggi medi dell’intelligenza umana sono cresciuti costantemente. Il fenomeno è noto come “effetto Flynn”, dal nome dello scienziato che per primo rilevò l’aumento storico del QI di tre punti circa ogni dieci anni. Le ultime ricerche del settore hanno però mostrato come questo trend stia rallentando e in alcuni Paesi si stia addirittura invertendo, tanto che gli scienziati cominciano a sospettare che l’umanità abbia oramai raggiunto il picco del proprio potenziale intellettivo.

Sebbene il test del QI sia da sempre criticato, le evidenze scientifiche dimostrano che i suoi punteggi possono essere utili indicatori di performance in molte attività e risultati, come la capacità di calcolo, il successo accademico o la velocità di apprendimento di nuove competenze nell’ambiente di lavoro. L’efficacia del test sul QI è legata al fatto che molte abilità cognitive sono tra loro correlate: la rotazione mentale e il pensiero spaziale, per esempio, sono connessi alle abilità matematiche e verbali. Per questa ragione si ritiene che il QI possa riflettere un’intelligenza generale che sottende la grande varietà di abilità mentali.

Se l’effetto Flynn ha trovato storicamente spiegazione nella crescente complessità degli ambienti in cui gli esseri umani si trovano a vivere, sempre più stimolanti per le funzioni cognitive, il recente stallo nella crescita del QI è stato invece giustificato con i cambiamenti che hanno investito i sistemi educativi moderni, meno centrati sulle capacità di calcolo per via della perenne accessibilità di computer e smartphone. Allo stesso tempo, però, abilità mentali astratte come il ragionamento critico e la creatività potrebbero essere in espansione,. In questo senso, il declino del QI potrebbe non rappresentare la fine di un’ipotetica “epoca d’oro” dell’intelligenza umana, ma piuttosto un suo nuovo inizio.