fbpx Le macchine Volanti! | 15 Minutes City, un modello perfetto per le città smart italiane
15 Minutes City, un modello perfetto per le città smart italiane
--

15 Minutes City, un modello perfetto per le città smart italiane

Che cosa si intende quando si parla di 15 Minutes City? Si tratta di una pianificazione sostenibile dello spazio urbano, che mette al centro l’obiettivo di ridurre gli spostamenti in automobile a favore di quelli in bicicletta o a piedi.

Il concetto è stato presentato per la prima volta da Carlos Moreno, professore della Sorbona di Parigi: lavoro, servizi, svago, istruzione, shopping e sanità nella sua idea dovrebbero essere raggiungibili a piedi o in bici entro quindici minuti dalla propria abitazione, ovunque questa si trovi.

Se quindi una volta la priorità dell’urbanistica era quella di velocizzare gli spostamenti, adesso la filosofia è quella di ridurre l’obbligo di utilizzare mezzi di trasporto inquinanti e che sfruttano energia.

I benefici sono molti e immediati, in termini di qualità della vita e di ottimizzazione delle risorse. Basti pensare anche solo alla riduzione sensibile per i cittadini delle ore impiegate in spostamenti lunghi, soste e code all’interno della città.

Proprio seguendo i cambiamenti che stanno investendo il settore della mobilità, gli analisti stanno riscontrando anche in Italia la necessità e l’opportunità di definire un nuovo modello economico e sociale sostenibile in ottica di Smart City.

Secondo uno studio di Deloitte Monitor, in Italia il modello della 15 Minutes City rappresenta già la risposta al bisogno di vicinanza ai servizi espresso dal 95% degli abitanti delle maggiori città del Paese.

Cosa vorrebbero avere vicino le persone? In primis supermercati (72%) e verde pubblico (54%), a seguire il luogo di lavoro (51%) e l’assistenza sanitaria (44%).

Lo studio Deloitte evidenzia anche che un potenziamento del trasporto pubblico (79%), la realizzazione di hub multimodali (68%) e la costruzione di nuove piste ciclabili (58%) permetterebbero la riduzione dell’utilizzo delle auto da parte dei cittadini.

Nel nostro Paese è poi in aumento anche l’attenzione ai temi della sostenibilità. Quando sceglie come muoversi, l’89% dei cittadini intervistati ha dichiarato di valutare l’inquinamento del mezzo di trasporto e 3 italiani su 4 hanno dichiarato di prendere in considerazione una soluzione elettrica o ibrida durante l’acquisto di un nuovo veicolo. I dati dunque indicano che esistono i presupposti per ripensare il modello di mobilità cittadina secondo le rinnovate esigenze sociali e tecnologiche, favorendo la vicinanza dei servizi alla persone e promuovendo la sostenibilità ambientale.

Giacomo Lucarini