fbpx Le macchine Volanti! | Una tuta spaziale nuova di zecca
Una tuta spaziale nuova di zecca

Una tuta spaziale nuova di zecca

Quando si parla della missione Artemide che punta a riportare l’uomo sulla Luna ci si concentra molto sulla navicella che permetterà l’impresa e sulle tecnologie utilizzate. Ci si dimentica invece di un elemento imprescindibile per ogni astronauta che giocherà un ruolo ancora più importante in questa occasione: la tuta spaziale. Non è un caso che la Nasa stia dedicando molto tempo a realizzarne una adeguata alle esigenze odierne.

Rispetto alla missione Apollo del 1969 gli astronauti rimarranno più tempo sulla superficie lunare, utilizzando anche dei veicoli per muoversi. Queste operazioni richiedono un’attrezzatura molto diversa anche rispetto a quella per le uscite degli astronauti ospiti della Stazione spaziale internazionale. La mobilità sarà infatti un fattore chiave della nuova tipologia di tuta spaziale ed è per questo che, per esempio, i cuscinetti che rendono la stessa tuta meno rigida saranno presenti non solo sulle braccia ma anche attorno alla vita, ai fianchi, alle cosce e alle caviglie, dando molta più possibilità di movimento a tutta la parte inferiore del corpo.

In questo modo sarà resa più semplice e naturale la camminata, abbandonando quel procedere a saltelli della missione di oltre 50 anni fa. La conformazione della tuta darà inoltre la possibilità agli astronauti di inginocchiarsi sulla superficie per esaminare dei frammenti oppure per maneggiare la strumentazione.  Aspetto fondamentale è la resistenza alla polvere lunare che rischia di inserirsi in ogni minimo spazio. Per questa ragione si cercherà di realizzare delle parti in continuità tra di loro impedendo che questo pulviscolo possa addentrarsi attraverso le giunture. Per lo stesso motivo saranno anche ridotte al minimo le cerniere.

Altro elemento imprescindibile è ovviamente il casco che sarà dotato di luci per illuminare lo spazio intorno, come anche di telecamere incorporate per riprendere le azioni degli astronauti. Importante la tecnologia interna che permette all’astronauta di visualizzare un display su cui avere le informazioni necessarie per le operazioni che si appresta a compiere.